fbpx

Differenza tra Addolcitore e Depuratore d’Acqua: facciamo chiarezza

differenza tra- ddolcitore e depuratore d'acqua

Spesso si tende a fare confusione sugli impianti domestici per la depurazione delle acque.
Chiariamo in questo articolo la differenza tra addolcitore e il depuratore d’acqua.

Addolcitore d’acqua domestico: cosa fa

L’addolcitore d’acqua previene e contrasta la formazione di calcare nelle tubature e negli elettrodomestici. Un’acqua addolcita permette di risparmiare tempo, energia e denaro, proteggendo allo stesso modo le cose di valore nell’ambiente domestico: bagni e docce più puliti, bucato più pulito, piatti bicchieri e stoviglie più cristallini, protegge gli scarichi e le tubature, pulizie più rapide e meno faticose.

L’acqua addolcita permette un effettivo risparmio di denaro per l’acquisto dei prodotti per la pulizia e alle spese di manutenzione e riparazione degli impianti e degli elettrodomestici.

Quindi grazie all’installazione di un addolcitore domestico si migliora la manutenzione delle tubazioni e si risparmia anche sull’uso di detersivi.  

Addolcitore d’acqua domestico: come funziona

L’addolcitore è un apparecchio per il trattamento dell’acqua che viene collegato direttamente all’impianto idrico di casa.
Tramite un processo di scambio ionico, vengono eliminati i sali di calcio e magnesio e vengono sostituiti con sali di sodio che rendono l’acqua meno dura.

Se sei interessato a tutti i vantaggi portati dall’installazione di un addolcitore e sul suo funzionamento, leggi anche l’articolo dedicato all’Addolcitore per l’acqua.

Se ho un addolcitore posso bere l’acqua del rubinetto?

Indipendentemente dall’avere installato un addolcitore domestico o un depuratore d’acqua, l’acqua di casa è sempre potabile, e non pericolosa per la salute, al pari di quella in bottiglia. 

Il Comune, per legge, deve garantire la potabilità dell’acqua e rispettare parametri microbiologi, fisici e chimici, stabiliti nel Decreto Legislativo 31/2001, e controllati quotidianamente.

Bere l’acqua del rubinetto quindi si può. Ma la differenza starà nel gusto  e nelle caratteristiche organolettiche dell’acqua. 

Come le acque in bottiglia hanno parametri differenti evidenziate in etichetta, anche quella fornita dall’acquedotto municipale avrà le sue caratteristiche che potranno incontrare o meno il tuo gusto.

Sicuramente l’acqua trattata con un addolcitore avrà meno calcare, sarà carica di sodio e satura di di cloruro di calcio, che è la sostanza che deriva dalla rigenerazione delle resine che si ottiene tramite l’utilizzo del cloro.

L’acqua addolcita inoltre è ottima per cucinare e rende la pelle più morbida.

Ma se vuoi veramente avere un’ottima acqua da bere, devi affidarti ad un depuratore d’acqua domestico.

Depuratore d’acqua domestico: cosa fa

Il depuratore d’acqua domestico ha il compito di eliminare le sostanze nocive e le impurità che possono scendere dai rubinetti. L’acqua fornita dall’acquedotto pubblico viene filtrata e depurata da eventuali batteri che si possono annidare nell’impianto di casa.

Premesso che, per legge,  l’acqua fornita dall’acquedotto comunale deve essere potabile e viene sottoposta quotidianamente a severi controlli, non si può dimenticare che nel percorso tra quando arriva a casa e quando risale nelle tubature domestiche può accumulare sostanze nocive. Inoltre l’acqua fornita da acquedotti comunali non si possa dire che abbia sempre un buon sapore.  Qui interviene il depuratore d’acqua che garantirà un acqua del rubinetto dal sapore migliore e dalla qualità superiore.

Depuratore d’acqua domestico: come funziona

Come premesso, il depuratore d’acqua rende buona l’acqua  dal rubinetto. Il dispositivo viene collegato al rubinetto e tramite un processo rende l’acqua più pura rispetto a quella potabile fornita dal comune. 

Le più famose tipologie di impianti di purificazione dell’acqua, sono  la microfiltrazione e il sistema ad osmosi inversa

La microfiltrazione lavora con un sistema di filtri che trattengono i sedimenti.
L’osmosi inversa invece garantisce i risultati migliori e permette di abbattere quasi la totalità delle sostanze disciolte nell’acqua, siano essi inerti o utili all’alimentazione, ottenendo un’acqua con residuo fisso molto basso. 

Per un confronto tra i due sistemi di purificazione dell’acqua, leggi anche il nostro articolo sulla Miglior Acqua da bere.

Se hai ancora dubbi sui trattamenti domestici per la depurazione dell’acqua di casa tua, non esitare a contattarci.
Termar 3000 è specializzata da anni in impianti di depurazione dell’acqua e potrà consigliarti il miglior prodotto per la tua necessità . Chiama lo 0363/305004 o compila il form sottostante.

    Utilizzando questo modulo si acconsente alla memorizzazione e al trattamento dei dati da parte di questo sito web.

    Share:

    Share on facebook
    Facebook
    Share on twitter
    Twitter
    Share on pinterest
    Pinterest
    Share on linkedin
    LinkedIn

    Tabella dei contenuti

    Contattaci per avere maggiori informazioni!

      Utilizzando questo modulo si acconsente alla memorizzazione e al trattamento dei dati da parte di questo sito web.

      Leggi di più

      Post correlati

      Differenza tra microfiltrazione e osmosi inversa

      Differenza tra microfiltrazione e osmosi inversa

      L’installazione di un purificatore dell’acqua domestica è la soluzione più economica e salutare che tu possa scegliere. I sistemi per il trattamento dell’acqua rispondono a molteplici necessità

      Soluzioni Bonus Acqua Potabile

      Soluzioni Bonus Acqua Potabile

      I sistemi di microfiltrazione dell’acqua rendono l’acqua del tuo rubinetto la migliore acqua da bere. Hanno diversi vantaggi e ora possono essere tuoi con una detrazione fiscale fino a 500€. Guarda le soluzioni che ti proponiamo

      bonus acqua 2021

      Bonus Acqua 2021: tutto quello che devi sapere

      La legge di Bilancio ha istituito il bonus acqua 2021 per ridurre il consumo di acqua in bottiglie e contrastare l’inquinamento da contenitori di plastica. Il bonus fiscale acqua potabile 2021 prevede un credito d’imposta del 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio dell’acqua finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque