Valutazione Rischio Legionellosi Strutture Ricettive: Obblighi e Sanzioni

Valutazione Rischio Legionellosi obblighi e sanzioni

Valutazione del rischio legionella in hotel, piscine, strutture ricettive. Misure preventive, responsabilità, obblighi, ammende

Scopri le procedure stabilite per valutare il rischio Legionella nelle strutture turistiche e ricettive. Chi è responsabile della valutazione del rischio Legionella e quali sono i fattori critici? Quali informazioni deve includere il Piano di Gestione del Rischio (DVR)? Qui troverai le risposte alle domande più comuni su questo tema.

Come ben saprai, la Legionella è un agente patogeno che si sviluppa sia in ambienti acquatici naturali che artificiali, come sorgenti termali, fiumi, laghi, impianti idrici, piscine e vasche idromassaggio.

Questo batterio può causare malattie gravi nell’uomo, presentandosi in due diverse forme cliniche: Febbre di Pontiac e Malattia dei Legionari. L’infezione avviene tramite l’inalazione diretta di acqua o aria contaminata, spesso proveniente da rubinetti, docce o sistemi di umidificazione.

Studi scientifici sottolineano focolai epidemici di legionella soprattutto in ambienti collettivi, come alberghi, piscine e centri termali.
TERMAR 3000 è specializzata in impianti anti-legionella.

Legionella: Obblighi Normativi e DVR per Strutture Ricettive, hotel, piscine

Le strutture turistiche e ricettive, quali alberghi, hotel, residence, B&B, case vacanza, agriturismi, affittacamere e navi da crociera, rappresentano un ambiente che può favorire la proliferazione della Legionella, con significative implicazioni sulla salute pubblica, sull’immagine e sulle possibili conseguenze legali.

Pertanto, è fondamentale che tali strutture adottino strategie preventive attraverso una valutazione accurata e una gestione attenta del rischio Legionella.

La legge italiana, inoltre obbliga tutte le strutture ricettive alla redazione del DVR Legionella  (ai sensi del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul lavoro).

Le linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi, pubblicate a Maggio 2015, prevedono inoltre una sezione specifica per le strutture ricettive (punto 3.2 “Valutazione e gestione del rischio nelle strutture ricettive”).

Chi è Responsabile della valutazione rischio Legionellosi?

Il proprietario o gestore della struttura è obbligato a eseguire regolarmente, preferibilmente ogni anno o almeno ogni due anni, una valutazione del rischio Legionella.

Tale valutazione deve essere condotta da un professionista competente, come un igienista, un microbiologo o un ingegnere con esperienza specifica. Questo processo è essenziale per identificare i punti critici degli impianti, valutare l’esposizione al rischio e stabilire misure preventive adeguate.

Cosa include il Documento Valutazione Rischio Legionellosi?

Il DVR Legionella fornisce informazioni sullo stato generale della struttura e indica i controlli analitici effettuati e le prescrizioni future per ridurre o eliminare il rischio Legionella.

La valutazione del rischio inizia con un’ispezione degli impianti a rischio, che comprende una valutazione delle condizioni operative e di manutenzione, nonché delle pratiche operative che possono rappresentare un rischio per gli ospiti e il personale della struttura.

Si identificano i punti critici degli impianti e si valutano le condizioni che favoriscono la proliferazione della Legionella, come temperature favorevoli, tubazioni stagnanti o con flusso d’acqua minimo, e caratteristiche dell’acqua di approvvigionamento.

In alberghi e strutture turistico ricettive e termali in generale, la Legionella può annidarsi  negli impianti che comportano il riscaldamento dell’acqua, come serbatoi di acqua, calcare e ruggine tubature, vasche idromassaggio, saune, piscine, sistemi di condizionamento.

Trattiamo la disinfezione da Legionella con un prodotto ANTIBATTERICO e ANTIMICOTICO 100% NATURALE.
Una soluzione acquosa, con ph neutro che non usura le tubature e soprattutto elimina anche il biofilm, ambiente in cui proliferano i batteri.

Quali sono i principali fattori di rischio legionella da monitorare?

I fattori di rischio principali includono la temperatura dell’acqua, la presenza di tubazioni stagnanti, l’uso stagionale o discontinuo della struttura, la manutenzione degli impianti, le caratteristiche dell’acqua di approvvigionamento e l’età, la complessità e le dimensioni degli impianti. È importante anche considerare eventuali modifiche strutturali o ampliamenti degli impianti, nonché la presenza e la concentrazione di Legionella evidenziate da campionamenti microbiologici.

Con quale frequenza deve essere effettuata la Valutazione del Rischio Legionellosi?

La valutazione del rischio deve essere condotta almeno ogni due anni, preferibilmente ogni anno, e ogni volta che si verificano cambiamenti significativi negli impianti o nelle circostanze che potrebbero influenzare la situazione.

È fondamentale documentare formalmente ogni revisione, e in caso di segnalazione di casi sospetti di legionellosi, la valutazione del rischio deve essere riesaminata urgentemente.

TERMAR 3000 è specializzata nella Progettazione, Installazione e Gestione di innovativi Impianti per trattamenti Anti Legionella.

Come viene redatto il  DVR legionella – Documento di Valutazione del Rischio?

Al termine della valutazione del rischio, viene redatto un Documento di Valutazione del Rischio Legionella che contiene l’analisi effettuata e le misure correttive necessarie.

Questo documento deve includere:

  • la nomina del responsabile della gestione del rischio
  • l’identificazione dei punti critici e la valutazione del rischio in condizioni di funzionamento normale dell’impianto idrico
  • la definizione delle misure correttive per ridurre al minino il rischio
  • uno schema della rete idrica, se disponibile.

Quali sono le misure preventive consigliate?

Per ridurre il rischio di legionellosi, è consigliabile intraprendere azioni di bonifica preventive.

Gli impianti TERMAR 3000 per il trattamento della legionella, eliminano al 100% la contaminazione da legionella definitivamente, anche la più resistente.

A differenza dei comuni trattamenti di disinfezione legionella che utilizzano soluzioni chimiche e shock termico che provocano danni alle strutture, all’impianto idrico e all’ambiente, il trattamento legionella proposto da TERMAR 3000 è 100% naturale e sanifica il biofilm (dove la legionella si deposita e prolifera).

È un trattamento sanificante biocida continuo, che oltre a debellare la legionella immediatamente ne impedisce la ricomparsa.  

Le soluzioni TERMAR 3000 per i trattamenti anti legionella possono beneficiare degli incentivi INDUSTRIA 4.0!

La gestione del rischio Legionella è fondamentale non solo per proteggere la salute delle persone che frequentano la struttura, ma anche per adempiere agli obblighi normativi.

Conseguenze della Mancata Analisi e Assenza del DVR Legionella

Quali rischi possono incorrere i datori di lavoro, i dirigenti e l’attività stessa in caso di mancata analisi e assenza del DVR?

Iniziamo a dire che la presenza di Legionella nella struttura può essere verificata da enti di controllo come ASL, INPS, ARPA, INAIL, Carabinieri e Vigili del Fuoco, che possono richiedere la visione del DVR e condurre analisi microbiologiche.

La mancata esecuzione di controlli obbligatori espone le persone che frequentano la struttura al rischio di contrarre la legionellosi, che può avere esiti fatali. Inoltre, i datori di lavoro, i dirigenti e i responsabili della sicurezza aziendale rischiano sanzioni considerevoli, compresa la detenzione in casi gravi.

Per la struttura stessa invece, c’è il rischio di chiusura fino alla messa a norma degli impianti, specialmente in caso di contagio, o in caso di eventi gravi, la sospensione totale.

Sanzioni Penali e Civili per non adempimento DVR Legionella

Secondo l’articolo 55 del D.lgs. 81/08, i datori di lavoro e i dirigenti che non adempiono agli obblighi normativi possono essere soggetti a sanzioni quali:

  • multe fino a 6.600€ per ogni obbligo non soddisfatto
  • detenzione fino a 8 mesi
  • chiusura della struttura
  • sospensione definitiva dell’attività imprenditoriale.

Le sanzioni sono proporzionali al numero di obblighi non soddisfatti, al ruolo gerarchico dei responsabili e al livello di responsabilità.

Risarcimento Danneggiati

Oltre alle sanzioni, possono esserci risarcimenti danni per danni biologici, esistenziali, alla salute, morali, all’immagine (i casi di legionella in struttura ricettiva sono raccolti in una banca dati europea, ELDSNet, per tour operator che ne esclude la proposta ai propri clienti) e danni diretti economici causati dalla chiusura o sospensione dell’attività.

L’imprenditore è responsabile di garantire la sicurezza degli impianti e può essere considerato colpevole in caso di mancata diligenza nell’adozione di misure preventive.

La gestione del rischio Legionella non può esaurirsi con l’adozione spot di misure correttive.
Misure preventive continue e trattamenti mirati per impedire definitivamente la proliferazione patogena della Legionella dall’acqua sono l’unico modo per non incorrere in rischi e sanzioni.

Se vuoi ulteriori informazioni non esitare a contattarci. Chiama lo 0363 305004, scrivi all’indirizzo email: info@termar3000.it o compila il form sottostante per chiederle.

    Share:

    Facebook
    Twitter
    Pinterest
    LinkedIn

    Tabella dei contenuti

    Contattaci per avere maggiori informazioni!

      Leggi di più

      Post correlati